Il nostro angolo Sport

Gara sportiva e benefica di orientamento a coppie al Parco di San Giuliano

[important]FOOT ORIENTEERING
Racing against the clock to find control points…

Orienteering is  competitive sport in which runners have to find their way across rough country with the aid of a topographic  map (and, sometimes, a compass).
It was born in Sweden in the 1940’s and nowadays it is part of the world’s sporting events. Originally  it was a training exercise in land navigation for military officers.
Participants  go from point to point in diverse and usually unfamiliar terrain, moving at speed.
It develops navigational skills and it is fun.[/important]

Sara Rossetto e Tina Moni Bidin
Sara Rossetto e Tina Moni Bidin

La categoria femminile del Franchetti-Bruno fa il botto!!!

Sara Rossetto e Tina Moni Bidin della 1°E del Liceo G.Bruno si classificano al 2°posto femminile con un ottimo tempo: 00:34:05 contro il primo tempo delle studentesse Armani e De Zolt della 1°A (3°anno) del Liceo R.Franchetti: 00:30:47.
Poiché i due istituti scolastici si sono fusi in un unico superliceo la notizia è accolta in Redazione con un entusiasmo ancora maggiore.

Per la categoria maschile riceviamo e pubblichiamo le impressioni di Luca e Tommy della 1A

Luca Gasparinetti, 1°A

Il giorno 23 marzo 2013, la mia classe e molte altre provenienti da varie scuole medie inferiori e superiori di Mestre e dintorni, ha partecipato a una gara di orientamento a coppie, che, oltre ad essere un avvenimento sportivo educativo e coinvolgente, ha permesso di raccogliere fondi per la costruzione di un ambulatorio medico in Africa (Andranobè, villaggio del Madagascar).
Giunti al ritrovo acanto alla porta principale del Parco San Giuliano, le professoresse accompagnatrici, Baroni e Barzanti, hanno fatto l’appello e ci hanno incoraggiato. Io, però, ero molto teso e mi sentivo già stanco all’idea della lunga corsa che mi aspettava, fortunatamente il mio compagno di squadra, Tommaso, mi ha rassicurato dandomi una grande scarica di adrenalina. Arrivato il momento della consegna delle mappe topografiche, io e “Tommy” abbiamo studiato il percorso più corto affinché potessimo arrivare in ottime posizioni. Così al “Via!” siamo partiti per andare a concludere al più presto la gara. All’inizio ci siamo trovati lievemente in difficoltà poiché era difficile trovare tutti i punti. La gara era anche molto stancante, perché per ottenere un buon risultato bisognava correre. Però ci è venuta un’idea: uno andava a “punzonare” la mappa mentre l’altro si riposava e viceversa. In questo modo siamo arrivati al traguardo molto in fretta senza bisogno di fermarci a riposare.
Alla fine del percorso abbiamo dovuto aspettare a lungo per le premiazioni e, giunto finalmente quel momento, abbiamo potuto guardare il foglio dei risultati: i nostri nomi erano accanto al numero 11… Inizialmente la vista di quel numero ci ha dato soddisfazione ed eravamo molto felici, ma poi ci siamo un po’ rammaricati, perché i premi (coppe e medaglie) erano soltanto per le coppie che si erano qualificate entro il decimo posto.
Tutto sommato è stata un’ottima giornata, anche se il tempo lasciava a desiderare, perché è stato un giorno alternativo ad uno normale di scuola e l’esperienza ci ha insegnato qualcosa.

Tommaso Turchetto 1A
Aggiungo solo che, per quanto mi riguarda, è stata un’ esperienza bellissima e divertente e, a rendere tutto ciò ancora più bello, io ed il mio compagno ci siamo classificati undicesimi risultando la prima coppia maschile del liceo G.Bruno!

Mestre - San Giuliano

One Reply to “Gara sportiva e benefica di orientamento a coppie al Parco di San Giuliano

  1. complimenti a tutti coloro che hanno contribuito alla pubblicazione di questo servizio sulla corsa di orientamento, anche perché per l’organizzazione e preparazione di questa attività c’è stato tanto lavoro “dietro le quinte”!
    Giovedì 11 Aprile, sempre con il progetto Sport Amatoriale Inter-istituti , avremo le gare di tri-atletica. Speriamo di confermarci sempre come Bruno-Franchetti e che pubblichiate ottime notizie come queste! Ciao e Grazie! prof.ssa Silvia Pedrocco

Comments are closed.