Dimensione Arte Il nostro angolo Proposte Culturali dal territorio

SHIBUYA – suonIncrocImmagini di città

SHIBUYA - suonIncrocImmagini di città

Dagli studenti del Laboratorio Creativo Musicale

Brunovox intervista la prof.Enrica Semenzato, referente del Progetto Musica da sette anni.

Brunovox: Che cos’é Officina Musica?

Prof. Semenzato: Si tratta di un progetto sperimentale del Liceo Scientifico “Giordano Bruno” a cura del Maestro Anna D’Errico, con laboratorio di pratica musicale del Maestro Michela Caser. E’ un percorso musicale in cui i nostri studenti sono protagonisti di ogni passaggio e possono interagire con I docenti e gli esperti, dalla scelta del titolo alla sceneggiatura, dalle scelte visuali alle riflessioni critiche.

Brunovox:Il progetto inizialmente aveva una veste tradizionale e terminava con un classico saggio scolastico di fine anno, quando e perché la svolta laboratoriale “contemporanea” degli ultimi anni?

Prof. Semenzato: Quattro anni fa gli studenti proposero di interpretare “Casa Usher” di Edgar Allan Poe. Ne nacque una regia sonora interessante che ci incoraggiò a continuare nella ricerca.

Brunovox: Qual’é la genesi di Shibuya, lo spettacolo di quest’anno?

Prof. Semenzato: Shibuya, oggi quartiere giovane e alla moda di Tokyo,  è il titolo scelto dal gruppo online di Officina Musica che si confronta su Facebook. Qui vuole indicare essenzialmente un’idea di città, vissuta come un  gigantesco incrocio attraversato da migliaia di persone. Il titolo è stato preferito ad altri altrettanto suggestivi per la sua potenza evocativa.

Brunovox: E Italo Calvino? Shibuya potrebbe sembrare il nome dell’ennesima città attraversata da Marco Polo…

Prof. Semenzato: Calvino è subentrato in un secondo momento. I ragazzi si sono appassionati alla lettura di Città Invisibili dove Marco Polo racconta a Kublai Khan ciò che l’Imperatore vuole sentire delle città che ha attraversato e, pur con la sua lingua imperfetta, sa affabularlo. La lettura di Italo Calvino ha motivato più di un allievo a perseguire una ricerca che si è concentrata sul montaggio sonoro delle suggestioni…Città molteplice e molteplici, luogo/luoghi di incontri e scontri, città propria e città “altra”. Se lo spettacolo vi è piaciuto significa che I ragazzi sono riusciti a sonorizzare felicemente I’itinerario che hanno collettivamente immaginato e a sintonizzarsi con il pubblico.

Brunovox: Chi ha collaborato quest’anno al progetto musica?

Prof. Semenzato: con me oltre agli storici, impareggiabili, proff. Daniele Baso e Francesco Minosso (Matematica e Fisica), vi hanno lavorato la giovane prof. Alessia Busetto (Spagnolo), che è anche una valente musicista diplomata al Conservatorio e la creativa, “evergreen” prof.Silvia Pedrocco (Educazione Fisica) che ha curato le coreografie.

Brunovox: Momenti critici?

Prof. Semenzato: Come sottolinea Alberto nel suo articolo lo stress è arrivato quando gli impegni internazionali del Maestro Anna D’Errico hanno costretto il gruppo a scindersi in sottogruppi durante le ultime quattro o cinque prove e ad accelerare. Per fortuna sia l’avvio, con gli allievi esperti che facevano da tutor, che la conclusione hanno visto I ragazzi lavorare bene insieme col massimo affiatamento.

Brunovox: Chi sono questi ragazzi bravissimi e generosi?

Prof. Semenzato: lL voglio ringraziare ad uno, ad uno. Martina Birello, Alberto Cesaro, Chiara Dal Corso, Elisa Danesin, Michele De Angeli, Giovanna De Martino, Riccardo De Riva, Leonardo Lombardino, Margherita Maggi, Francesca Manente, Enrico Martin, Valentina Ongaro, Edoardo Pagan, Matteo Pomiato, Matteo Pomiato, Nicolò Rosada, Andrea Semenzato, Veronica Sorato, Giulia Stephany, Lorenzo Strozzi. Come si dice? Uno più bravo dell’altro!

Shibuya