Archivio Storico

PROGETTUALITA’ PER LE SCUOLE

Fondazione di Venezia

INCONTRI DI PRESENTAZIONE E CONFRONTO SULLE PROGETTUALITA’ PER LE SCUOLE

Giovedì 18 giugno , dalle 11 alle 13 per gli insegnanti delle superiori.

A stakeholder economy is an economic situation in which everyone is affected and concerned with its success.

“Promuoviamo una scuola attiva? Promuoviamo la crescita personale? Contribuiamo ad implementare i POF? Siamo sulla strada giusta?”si chiede Fabio Achilli, vicedirettore della Fondazione di Venezia, ammettendo che l’ente oggi ha dovuto abbandonare la politica del finanziamento culturale tout court per fare soprattutto interventi diretti e in partnership:

“sono tempi di crisi: i fondi previsti, destinati soprattutto a studi universitari e post universitari, saranno dimezzati”.

L’obbiettivo dei  singoli progetti sostenuti dalla Fondazione, accorpati in programmi, va oltre il semplice supporto, puntando allo sviluppo personale dell’individuo.

Come? Con le esperienze: learning by doing, come è stato spiegato ad alcuni insegnanti delle scuole superiori giovedì 18 giugno.

BORSE DI STUDIO ESTIVE

Giorgia Mimmo ricorda che per gli studenti di III e IV anno  c’è…

La borsa di studio GO STAGE (13°edizione) per andare in azienda o c/o enti e amministrazioni ad imparare, ma soprattutto a conoscere il mondo del lavoro. Agli insegnanti si richiede di essere maggiormente coinvolti nella modalità di restituzione.

Referente di progetto: Giorgia Mimmo

T 041 220 1252

F 041 220 1259

e-m g.mimmo@fondazionedivenezia.org

La borsa di studio GO CAMP ( in partnership con Società Lunaria) per partecipare ad un campo di volontariato internazionale all’estero o in provincia di Venezia per iniziative eco-ambientaliste o socio-educativo solidali e comunitarie.

(2-3 settimane a luglio e agosto. Lingua veicolare: inglese)

Restituzione dell’esperienza (con l’aiuto degli insegnanti) sotto forma di racconto, video, play, ecc…

Referente di progetto: Giorgia Mimmo

Consulente:Valentina Medda

SCIENCE WORKSHOP

Inoltre la Fondazione di Venezia, in partnership con Scuola della Compagnia di San Paolo (TO),

ha organizzato 3giornate  di workshop interattivo sull’isola di S.Servolo (Venezia)

A gruppi di cinque, 80 studenti del III e IV anno, provenienti da 5 regioni diverse, hanno analizzato parole di uso comune o studiate a scuola e prodotto un glossario edito da Marsilio Editori

100 parole per…

La scienza raccontata dai ragazzi.

Scienziati famosi come Margherita Hack hanno collaborato non solo con prestigiose lectiones magistrales e seminari, ma partecipando a forum e rispondendo alle e-mail e sms degli studenti in un percorso on line durato 4 mesi.

Referente di progetto: Giorgia Mimmo

www.100parole.it

PER I PIU’PICCOLI

www.scienzainaulat.it La scienza sperimentale è stata proposta in aula alle elementari e medie, con progettazione di esperimenti e creazione dei materiali necessari grazie collaborazione dei giovani laureati in materie scientifiche

scienzainaula@pleiadi.net

Referente di progetto: Giorgia Mimmo

Consulente:Valentina Medda

TEATRO

Giovani a Teatro 6°edizione

Cristina Palumbo (consulente performing arts) ci ricorda che oltre al

Settore Fruizione (2,50€ a spettacolo, card dagli 11 ai 29 anni )

Si è affermato per i giovani dai 16 ai 19 anni il

Settore Esperienze 2°edizione

Incentrato sulle Arti Sceniche ha esplorato quest’anno il tema trasversale dello “stare nella contemporaneità”, mentre l’anno scorso al tema era stato intitolato:”periferie”)

Da novembre2008-giugno 2009, con un percorso-filiera che parte dalla stimolazione creativa e critica per approdare  alla resa scenica, studenti del triennio con interessi culturali, ma privi di tecnica teatrale hanno sperimentato, in particolare, come si scrive un testo teatrale. Quali sono le caratteristiche fondamentali della scrittura per la scena. Domande al centro di Parole in forma scenica, il percorso di scrittura drammaturgica condotto da Leonardo Mello, docente di Storia del Teatro e dello Spettacolo all’Università Cattolica di Brescia, un laboratorio di approfondimento di alcuni tra i migliori testi di Antonio Tarantino.

EVENTI PROSSIMI


PAROLE IN FORMA SCENICA

Teatro Momo

21 giugno 2009, ore 21

COLLOQUIO INTERNAZIONALE DI DANZA CONTEMPORANEA

Venezia

26 giugno 2009, ore 10

Per informazioni: 
Giovani a Teatro – tel. 041 4177281 – www.giovaniateatro.itEsperienze – tel. 041 2201251 –

www.esperienze-giovaniateatro.com

esperienze@giovaniateatro.it

Referente di progetto:Adriana Stradella

T 041 220 1233

F 041 220 1239

a.stradella@fondazionedivenezia

www.giovaniateatro.it

www.esperienze-giovaniateatro.it

NOVITA’

L’ARTE CONTEMPORANEA, 1° ed

In collaborazione con la Fondazione La Biennale di Venezia

Occasioni di incontri per gli studenti delle superiori, ma anche elementari e medie (più di 1700), finalizzati a creare un’esperienza unica nell’ambito delle arti contemporanee.

Tema: l’allestimento mussale virtuale. Esercizi  sulla planimetria della Biennale

Referente di progetto:Adriana Stradella

FOCUS GROUP

Nell’ultima parte dell’incontro si fa il punto sulla progettualità nello studio come prevenzione del disagio giovanile ( diversità linguistica, culturale, di ruolo e genere, bullismo, nuove dipendenze, internet, tv, videogiochi, droghe)

Sono presenti insegnanti di molte tra le più note scuole superiori del territorio: dal Liceo M.Polo ,che ha una sezione artistico-musicale-espressiva, ai professionali più periferici della provincia di Venezia.

Prendendo spunto dall’osservazione di un’insegnante di Chioggia sulla crescente difficoltà nel rapportarsi con alcuni genitori (latitanti, mal disposti),Palumbo propone un’esperienza di teatro fisico nella quale coinvolgere anche le famiglie.

Un insegnante di un professionale indica nella rappresentazione di sé teatrale un’antidoto all’aggressività di gruppo che cela la debolezza individuale: “facciamoli recitare che imparino a parlare, presentarsi”.

Un’insegnante del Liceo N. Tommaseo indica nel progetto editoriale un utilissimo strumento per superare il disagio cognitivo : “è il più trasversale”.

Si avverte in generale una forte esigenza di trovare il delicato punto di equilibrio tra intra ed extracurricolare grazie al sostegno dei colleghi, spesso di diverso sentire, oltre che della dirigenza scolastica.