Accade da noi Sport

“REYER SCHOOL CUP 2019”: QUANDO LA SCONFITTA E’ OCCASIONE DI CRESCITA

Non poter rivedere, momentaneamente ci auguriamo, la bellissima Coppa in vetro di Murano sul tavolo della segreteria didattica quale trofeo per i vincitori della Reyer School Cup, farà sicuramente un certo che, soprattutto dopo averne potuto godere continuativamente per quattro lunghi anni.

Negli occhi e nelle facce dei ragazzi protagonisti di quest’ultima edizione del torneo si sono percepiti delusione, scoramento, frustrazione, dispiacere, amarezza, soprattutto, ne sono convinto, per non essere riusciti a soddisfare le aspettative personali e dell’ambiente circostante (amici, compagni, tifosi, docenti ecc.). Frustrazione e rabbia per non essere riusciti a giocare la partita così come ci si era proposti e preparati, per non essere riusciti nei momenti di difficoltà della gara a mantenere appieno il controllo emotivo.

Ma in questo lo sport può essere maestro di vita, insegna a rialzarsi dopo una caduta, insegna ad “incassare” e ad accettare una sconfitta, per quanto bruciante essa sia, trasmette la voglia di ripartire con ancora maggiore energia e determinazione per far sì che questa non abbia a ripetersi, insegna a riconoscere i meriti dell’avversario e a vedere in questo, seppur con il passare del tempo, non tanto un antagonista quanto un co-protagonista, un compagno di avventura in un appassionante viaggio.

Il saper perdere e reagire ad un insuccesso rappresentano un grande valore sia a livello individuale che collettivo, un valore che tutta la comunità del “Bruno-Franchetti” condividerà con grande dignità, unitamente ad uno spiccato senso di appartenenza.

Ci preme però sottolineare i tanti aspetti positivi e costruttivi che ancora una volta hanno caratterizzato questa esperienza quali:

  • il grande impegno e la grande costanza (con relativi sacrifici) profuso dagli studenti-atleti durante i molti incontri pomeridiani di preparazione, incontri ai quali, nonostante i propri pressanti impegni scolastici e sportivi, non sono praticamente mai mancati .
  • il serio ed appassionato apporto di tutte quelle componenti che ruotano intorno all’evento sportivo ma che ne sono a tutti gli effetti parte integrante, quali i responsabili della comunicazione (che hanno dedicato molto tempo, passione e competenza nel redigere articoli, video , interviste ….), del tifo (che con generosità hanno provveduto a coordinare coreografie, cori, sostegno ai giocatori in varie forme, pur rispettanto il più possibile i principi di un tifo costruttivo e non distruttivo), gli addetti agli arbitri, i colleghi che a vario titolo hanno contribuito alla buona riuscita dell’evento
  • l’aver raggiunto per il 5° anno consecutivo le “Final Four” al Taliercio, cosa per nulla scontata, avendo dovuto sbaragliare con grande determinazione la concorrenza di avversarie sulla carta anche più “attrezzate”, e che rappresenta una chiaro segnale di continuità nel competere su livelli di “eccellenza” nonostante ad ogni anno cambino i protagonisti.

Alla luce di tutto questo, anche una sconfitta può rappresentare paradossalmente una vittoria, essendo consapevoli che, comunque vada, il lavoro e l’impegno pagano, a tutti i livelli, anche se non sempre i risultati sul campo sembrano dar ragione al 100%.

E’ mio desiderio ringraziare sentitamente tutti quanti hanno fornito il proprio contributo direttamente o indirettamente (dirigenza e collaboratori, docenti, collaboratori scolastici, alunni ) affinchè tale coinvolgente iniziativa fosse portata a compimento nell’ottica di un arricchimento a livello valoriale e di competenze trasversali che vanno ben al di là del semplice risultato sportivo.

Prof. Francesco Galazzo


Visitate il Blog sulla Reyer School Cup curato da nostri studenti.


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *