Accade da noi Archivio Storico Campo lungo Dimensione Arte Focus Il nostro angolo Proposte Culturali dal territorio Recensioni Spettacoli

RECENSIONE DELL’ESPERIENZA DAVID GIOVANI

di Ilaria dell’Aquila, classe VB scientifico

Opportunità, di questo stiamo parlando. Allargare i propri orizzonti e saper guardare al di là del puro intrattenimento. Questo per me è stato il progetto David Giovani. Questa esperienza mi ha portato a crescere in vari ambiti ma soprattutto a fare delle importanti riflessioni e a capire molte cose. Avere la possibilità di fare esperienza di film, che possono piacere oppure no, direttamente in sala e gratuitamente è senza dubbio una grande occasione per noi giovani, spesso troppo coinvolti in altre attività stressanti per permetterci di gustarci una serata al cinema. E’ sicuramente più semplice stare distesi a letto e cercare il film a cui siamo interessati in streaming per poi rintanarsi sotto le coperte e bruciarsi le poche diottrie che ci sono rimaste dopo ore e ore già passate davanti allo schermo. Ma la verità è che nulla batte le sensazioni che si provano in sala, dove l’unica luce che ti illumina è quella della proiezione o, se ti va male, del cellulare di qualche maleducato che invece di guardare il film controlla i direct di Instagram. L’atmosfera che lì si viene a creare è qualcosa di unico: l’illuminazione soffusa, le colonne sonore che, risuonandoti intorno ti trasportano all’interno della storia. Se poi si va con i propri amici (e sotto questo punto di vista posso dire che questo progetto ha contribuito anche a farmi conoscere molti altri ragazzi con le mie stesse passioni) tutto questo è amplificato e prende ancora più valore: persino i popcorn sembrano più gustosi. Ciò, però, non toglie che si possa godere di quell’atmosfera pure andando a guardare lo spettacolo da soli; infatti,volenti o nolenti non lo saremo mai completamente. Al cinema, nello stesso momento, si condividono le emozioni e le esperienze con tutti gli altri spettatori presenti: che sia durante l’attimo di tensione prima di un jumpscare in un horror, oppure quando i due protagonisti finalmente decidono di darsi quel maledetto bacio che tutta la platea aspetta dall’inizio della storia; siamo tutti connessi per circa due ore in quella speciale condivisione. Ma non è questo l’unico aspetto positivo che ho ricavato dal progetto. Noi ragazzi partecipanti siamo, infatti, chiamati non solo a guardare i film in concorso ma anche a giudicarli ed infine votare quello che, secondo noi merita di vincere. Mettersi nell’ottica di essere giurato(ovvero a pensare a ciò che si guarda non solamente come spettatore volto all’intrattenimento personale) è un modo come un altro per analizzare le pellicole sotto un punto di vista a noi inconsueto. Pian piano si comincia sempre più a fare caso alle inquadrature, ai dettagli di regia e tutte quelle cose che normalmente al pubblico sono secondarie.

Questo cambiamento di visione perciò porta inevitabilmente non più a “guardare” ma “osservare” e a fare sviluppare a noi, nuovi giudici, un senso critico personale fondamentale nel mondo e nella società di oggi. Il mondo dietro la telecamera è vasto e complesso, molto più di come siamo abituati ad immaginarlo. Riuscire ad interpretare e capire a fondo le scelte di un regista ci può far benissimo rivalutare completamente il suo lavoro ed il suo significato.

Per questo è stata fondamentale anche la parte didattica del progetto ed il corso di introduzione al cinema e ai suoi strumenti tenutosi nella nostra sede scolastica. Grazie ad esso ci sono state fornite le basi da cui partire per sviluppare i nostri giudizi oltre che gli strumenti per scrivere una recensione al meglio delle nostre potenzialità. Ecco perché torno a dire che per me il David Giovani è stato un’ opportunità; perché in fin dei conti, anche se magari non intraprenderò una carriera nell’ambito cinematografico in futuro, avrò avuto l’occasione di venire a contatto più da vicino con il mondo del cinema non solo come parte di un pubblico passivo ma come spettatrice attiva e coinvolta in tutto e per tutto.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Segnalazione “Cinema for Unicef” 2019 – 76ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia #venezia76

Un post condiviso da Emilio (@emiliodallatorre) in data:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *