Certamen Senecanum: premiazione

Anche quest’anno il classico “Franchetti” si è distinto nelle graduatorie del Certamen Senecanum di Bassano del Grappa, giunto alla quattordicesima edizione. Luca Polesel della IIIA – classico ha vinto il Premio speciale “Rotary Club Bassano Castelli” per la migliore traduzione. La premiazione si svolgerà a Bassano il 1 giugno. La prova della Sezione A “Interpretare Seneca” prevedeva la traduzione e commento (o un saggio breve). Quest’anno si è trattato di una sezione della Lettera 59 dalle “Epistulae ad Lucilium“: si parlava della nostra tendenza a compiacerci di lodi altrui, del rischio che il piacere dell’adulazione porti a non conoscere davvero se stessi. L’insufficiente meditazione sul nostro “vero bene” ci porta così ad essere preda di desideri non controllati.


Questo il testo di Seneca della prova: “Quemadmodum autem potest aliquis quantum satis sit adversus vitia discere, qui quantum a vitiis vacat discit? Nemo nostrum in altum descendit; summa tantum decerpsimus et exiguum temporis inpendisse philosophiae satis abundeque occupatis fuit. Illud praecipue inpedit, quod cito nobis placemus; si invenimus qui nos bonos viros dicat, qui prudentes, qui sanctos, adgnoscimus. Non sumus modica laudatione contenti: quidquid in nos adulatio sinc pudore congessit tamquam debitum prendimus. Optimos nos esse, sapientissimos adfirmantibus adsentimur, cum sciamus illos saepe multa mentiri; adeoque indulgemus nobis ut laudari velimus in id cui contraria cum maxime facimus. Mitissimum ille se in ipsis suppliciis audit, in rapinis liberalissimum et in ebrietatibus ac libidinibus temperantissimum; sequitur itaque ut ideo mutari nolimus quia nos optimos esse credidimus. […] Pro sua quemque portione adulatio infatuat: dicamus, ‘vos quidem dicitis me prudentem esse, ego autem video quam multa inutilia concupiscam, nocitura optem. Ne hoc quidem intellego quod animalibus satietas monstrat, quis cibo debeat esse, quis potioni modus; quantum capiam adhuc nescio“.