BIBLIOTECA FRANCHETTI

“Uno dei malintesi che dominano la nozione di biblioteca è che si vada in biblioteca per cercare un libro di cui si conosce il titolo. In verità […] la principale funzione della biblioteca […] è di scoprire dei libri di cui non si sospettava l’esistenza, e che tuttavia si scoprono essere di estrema importanza per noi.”

Umberto Eco

La biblioteca del Liceo classico “R. Franchetti” di Venezia-Mestre si trova nella sede di Corso del Popolo, che dal 1940 accoglie la più antica scuola superiore della città di Terraferma. Il patrimonio bibliografico consiste attualmente di circa 12.000 unità. Oltre a opere di consultazione (enciclopedie, grandi opere, collane di testi), vi è un fondo ‘storico’ anteriore al 1945 (con numerose opere legate alla fase politica del tempo). Le raccolte di testi e saggistica risalgono soprattutto agli anni 1950-1980. I settori più forniti sono: letteratura e linguistica italiana, mondo classico (letteratura greca e latina, storia antica), storia, filosofia, storia dell’arte, letterature straniere. Grazie anche a recenti donazioni di privati, vi si trovano saggi e commenti assenti o scarsamente presenti nelle biblioteche del territorio metropolitano (soprattutto della terraferma).

La biblioteca è intitolata a Roberto Campagner (1947-2009), docente di latino e greco al Liceo. Responsabile è un/una docente individuato/a dal Collegio dei Docenti, attualmente, il prof. Carlo Franco, docente di Latino e Greco. L’utenza è ora composta da studenti e insegnanti dell’Istituto che accedono per consultazione, prestito o studio.

Questa pagina nel sito di Istituto viene aperta (marzo 2022) nel quadro delle azioni intese a rivitalizzare la biblioteca, e sarà nel tempo arricchita.

In collaborazione con la VEZ, alcuni studenti di tutti gli indirizzi dell’Istituto lavorano già ora per il riordino delle collezioni, in progetti coordinati da docenti della scuola. In attesa del catalogo online, accedere ai nostri libri è facile: rivolgersi al docente responsabile.

Questa pagina potrà servire da subito a far conoscere i nuovi ingressi della biblioteca, ma poi anche a ‘riscoprire’ presenze di altro tipo, come i libri del ‘fondo storico’.

Biblioteca_News_4_22

Pagina in aggiornamento